Sergio Tisselli - Romics d'Oro XVII ed.

 

Il fumetto storico in Italia ha la firma di Sergio Tisselli, Romics D’Oro 2015

Raffinata ed elegante firma del fumetto italiano. Indimenticabile la sua collaborazione con Magnus. all’inizio degli anni ’90 con il quale lavora  a Le avventure di Giuseppe Pignata. Disegna su testi di Marco Caroli Il Satanone Bolognone e L’iperbolica Pomata. Insieme a Lucio Filippucci realizza le copertine di Martin Mystère-L’integrale per Hazard Edizioni. Per Lo Scarabeo di Torino realizza una serie di tarocchi che ha per soggetto i vichinghi, realizza in seguito una seconda serie sui nativi americani.

Nasce a Bologna nel 1957, ma vive e lavora a Vado. Ha Ventitré anni quando inizia a scrivere brevi storie e a disegnare su sceneggiature d’altri con la Editrice Rizzoli su Corrier Boy Music. Si Laurea in Storia Moderna con una tesi La Peste a Bologna da cui trarrà la sceneggiatura per una  storia a fumetti di 44 tavole a colori: La costellazione del cane. Nella sua produzione la storia manterrà sempre un ruolo chiave

All’inizio degli anni ’90 incontra sulla sua strada il maestro Magnus (Roberto Raviola) con il quale lavora all’opera Le avventure di Giuseppe Pignata, dapprima pubblicata in 120 tavole a colori sulla rivista Nova Express di Luigi Bernardi e in seguito raccolte in tre volumi da Granata Press.

In seguito Tisselli disegna su testi di Marco Caroli due racconti: Il Satanone Bolognone e L’iperbolica Pomata. Seguiranno Quarzo tesoro nascosto, La locanda dei misteri, pubblicato da Savena Setta Sambro. Per la rivista semestrale dello stesso editore, due anni dopo, disegna La storia della Bellosta che ballò col diavolo. Con la collaborazione di Lucio Filippucci realizza le copertine di Martin Mystère – L’integrale per Hazard Edizioni, poi per la stessa casa editrice milanese esce nel 2003 Kim, riduzione a fumetti del romanzo di Kipling su testi di Valerio Rontini. Per Lo Scarabeo di Torino realizza una serie di tarocchi che ha per soggetto i vichinghi, realizzerà in seguito una seconda serie sui nativi americani.

Su testo di Giovanni Brizzi, illustra con dovizia di particolari Occhio di Lupo, primo volume dedicato al personaggio di Ducario, per il quale in prima battuta Tisselli si ispira al volto di Schwarzenegger. Attualmente i due lavorano al secondo episodio, Foreste di morte Ha inoltre realizzato la serie di tavole a tiratura limitata Lampi sul West. Armi Storiche dell’Ovest Americano. Attualmente sta lavorando per la Bonelli alla realizzazione del Tex a colori fuori serie di prossima pubblicazione.

 

Gipi - Gianni Pacinotti - Romics d'Oro XVII ed.

Grande fumettista illustratore italiano, narratore intenso, sincero e coinvolgente. Le sue opere sono tradotte in Europa e in USA. Collabora con la Repubblica, per il quale illustra racconti e articoli. Nel 2014 la sua graphic novel unastoria di Gipi entra nei dodici finalisti del Premio Strega, diventando il primo romanzo a fumetti candidato nella storia del premio letterario.

 

Bruno Brindisi - Romics d'Oro XVII ed.

Tra i maggiori fumettisti italiani, Bruno Brindisi riceve il premio Romics d’Oro 2015. Con lui a Romics una tra le interpretazioni più amate di Dylan Dog. La sua matita ci ha inoltre regalato indimenticabili Tex e Diabolik.A soli diciannove anni con gli amici Luigi Siniscalchi e Roberto De Angelis, con i quali condivide la passione per il fumetto, fonda la cosiddetta “Scuola Salernitana” con loro esordisce sulla rivista autoprodotta Trumoon n°1 (1983).

Ancora giovanissimo, approda nel fumetto erotico, il passo seguente però è Bonelli Editore. Ha ancora 25 anni, infatti, quando realizza alcuni disegni per Nick Raider eNathan Never, ma è con Dylan Dog, a cui inizia a lavorare nel novembre 1990, illustrando la storia di Tiziano SclaviIl male (n°51), che raggiungerà il successo.

I primi anni ’90 vedono un Bruno Brindisi iperattivo: lavora alla Bit Degeneration, una miniserie in tre episodi edita sull’Eternauta della Comic Art, che l’anno seguente sarà diffusa anche in America sulla rivista Heavy Metal. Disegna i primi episodi delle serie Billiteri  e Orazio Brown, entrambe di Peppe De Nardo, per l’Intrepido della Universo.

Nel 1997 presta la sua arte alla cinematografia, realizzando le sigle dello sceneggiato RAI in sei puntate Il conto Montecristo di Ugo Gregoretti, mentre nel 2002 gli amici di vecchia data e concittadini salernitani “I Neri per Caso” gli chiedono d’illustrare la copertina e le illustrazioni interne del loro ultimo disco. 

Nel 2002 la matita di Bruno Brindisi illustra un altro intramontabile eroe bonelliano, è Tex, nella storia I predatori del deserto, inserita nella prestigiosa collana diTex Gigante (il cosiddetto “Texone”). Due anni dopo Brindisi esordirà nella serie mensile di Tex; e nell’agosto 2011 inaugurerà la nuova collana di Tex a colori con la storia E venne il giorno.

Nel 2012 è la volta di Diabolik in occasione del cinquantennale del ladro; inizia anche una bellissima collaborazione con il vecchio amico De Nardo per il terzo episodio della nuova collana bonelliana Le Storie. Sempre per Bonelli nel maggio 2005 illustra il primo numero della  miniserie di fantascienza Brad Barron, su testi di Tito Faraci, contemporaneamente, però, lavora al personaggio di “Novikov”.

Dal 2007 al 2009 ha pubblicato saltuariamente illustrazioni e vignette per la Gazzetta dello Sport; dal 1993 al 2012 Bruno Brindisi ha portato a casa molti riconoscimenti e premi. Domenica 12 Aprile a Romics, confermandosi uno dei maggiori illustratori italiani, ha ritirato il Romics d’Oro 2015.  

 

 

 

Rafael Albuquerque - Romics d'Oro XVII ed.

 

Brasiliano, inizia a lavorare in patria nel campo della pubblicità, prima che il suo portfolio venga notato. Le prime storie per il mercato statunitense arrivano nel 2006, quando Albuquerque disegna alcune storie scritte da Keith Giffen e Alan Grant per la Boom! Studios. Nel 2007 viene ingaggiato dalla DC Comics, per la quale disegna un lungo ciclo di BLUE BEETLE e numerose copertine. Nello stesso periodo, trova il tempo di collaborare anche con Marvel Comics e Dark Horse. Nel 2010 esce il graphic novel Mondo Urbano. Nello stesso anno co-crea con Scott Snyder e disegna su sceneggiatura di sua maestà Stephen King la serie Vertigo AMERICAN VAMPIRE, che vincerà anche i prestigiosi Eisner e Harvey Award come miglior nuova collana. Ha partecipato con Jeff Lemire al ciclo finale del nuovo Animal Man e ha disegnato per la serie BATMAN un ciclo di storie sulla gioventù di Bruce Wayne dove con Scott Snyder ha svelato dettagli del passato del Cavaliere Oscuro mai visti prima.

 

Silvia Ziche - Romics d'Oro XVII ed.

 

Comincia a leggere sulle pagine di Topolino. Questo decide la direzione della sua vita. Giovanissima, inizia a collaborare con piccole riviste locali. Il grande salto a vent'anni, sulle pagine diLinus, dove pubblica brevi storie e vignette. Seguono a ruota Cuore e Smemoranda. Pochissimo tempo ancora e approda alla redazione di Topolino. Dopo un periodo di gavetta, fatto tra la scuola Disney di Giovan Battista Carpi e i consigli e l'aiuto preziosissimo del Maestro Giorgio Cavazzano, comincia a disegnare le storie con i personaggi disneyani. Con la Papernovela, storia lunghissima a puntate, passa anche alla scrittura dei testi. Prosegue sempre una sua produzione extra disneyana: sulle pagine di Comix, dove appare il personaggio di Alice a Quel Paese, e su alcuni inserti delCorriere della Sera. Abbastanza regolarmente si affaccia anche in libreria. Il primo volume è del 1993 e si intitola Alice a Quel Paese. Seguiranno Inferno, con i testi di Tito Faraci, i due volumi di Olimpo S.p.A., scritti da Vincenzo Cerami. Poco dopo nasce Lucrezia, il suo personaggio più longevo, che appare sporadicamente in libreria, e regolarmente sulle pagine di Donna Moderna. Dal 2007 ancheTopolino si apre con una sua vignetta. Suoi i disegni della grande saga in cinque episodi Papere al potere, sceneggiatura di Marco Bosco, in uscita su Topolino.

 

Lele Vianello - Romics d'Oro XVI ed.

 

Per lunghi anni collaboratore di Hugo Pratt, tra le storie di Corto Maltese a cui Vianello ha lavorato: La Casa Dorata di Samarcanda, Tango, Le Elvetiche e Mu – La città perduta. Ha collaborato con le riviste Venezia 7,Sinbad e Il Mago realizzando storie di fantascienza e con le riviste Corto Maltese e Il Grifo. Tra le sue numerosissime esperienze artistiche, è stato anche direttore artistico e autore dello story-board del film franco-brasiliano “La farfalla e il cangaçeiro”, autore di storie brevi e pubblicazioni speciali. Ha curato assieme a Guido Fuga i libri Corto Sconto. Itinerari fantastici e nascosti di Corto Maltese a Venezia, una guida originale di Venezia sulle tracce di Corto Maltese. A Romics anche con una imperdibile mostra di opere originali di Vianello.

Robert Rodriguez e Frank Miller - Romics d'Oro XVI ed.

 

In contemporanea con la presentazione internazionale di Sin City 3D: Una Donna Per Cui Uccidere, seconda attesissima trasposizione della graphic novel, Romics ha assegnato il Romics d’Oro a Frank Miller e Robert Rodriguez, durante la conferenza stampa di presentazione del film in Italia. “In tempi in cui fumetto e cinema hanno stabilito ormai un sodalizio straordinariamente prolifico, Miller e Rodriguez hanno fatto convergere le rispettive doti di alchimisti dell’immaginario, creando un’originale e suggestiva formula. Due grandi Maestri nei rispettivi campi, rivoluzionari e assolutamente audaci” dichiara Sabrina Perucca, Direttore Artistico di Romics.

Durante lo Special Day - aspettando Romics realizzato in collaborazione con Lucky Red e l’Area Cinema e New Media dell’Istituto Europeo di Design di Roma, presso il Cinema The Space Moderno, 100 fan di Romics hanno assitito alla proiezione riservata del film Sin City 3D: Una donna per cui uccidere e incontrare Miller e Rodriguez.

Luca Enoch - Romics d'Oro XVI ed.

 

Creatore di agguerritissime e decise eroine femminili e non solo… Autore a tutto tondo, molto spesso infatti sceneggia e disegna le sue opere. Nel 1992 crea la teenagerSprayliz; dal  1995 comincia una prolifica collaborazione con la Sergio Bonelli Editore, per cui crea nel 1999 Gea e nel 2008 Lilith  e nel 2007 pubblica Dragonero, primo albo dei Romanzi a fumetti Bonelli, scritto con Stefano Vietti e disegnato da Giuseppe Matteoni. La storia conquista una serie tutta sua e nel giugno 2013 fa il suo esordio il mensile fantasy Dragonero. Per il mercato francese (Les Humanoïdes Associés) scrive Morgana, illustrato da Mario Alberti, e Rangaku, con i disegni di Maurizio Di Vincenzo. Più recentemente, nel 2011 Luca Enoch ha pubblicato Hit Moll prodotto dalla Bonelli ed edito da BD, con i disegni di Andrea Accardi e nel 2013 La banda Stern edito da Rizzoli Lizard, disegnato da Claudio Stassi. A Romics in mostra i suoi migliori lavori.

Enrique Fernández - Romics d'Oro XVI

 

Particolarissima matita spagnola, inizia la sua carriera firmando gli storyboard dei lungometraggi animati di El Cid, la leyenda (2003) e Nocturna (2007). Nel 2004 debutta nel mondo del fumetto, in Francia. Lavora con lo scrittore David Chauvel per l’adattamento de Il Mago di Oz (Tunué, 2012) e realizza Les Libérateurs, pubblicato dalla casa editrice svizzera Paquet e da Glénat in Spagna. Nel 2009 scrive e disegna L`île sans sourire pubblicata da Drugstore e da Tunué nel 2014 con il titolo L'isola del sorriso. Nel 2012 inizia la campagna di crowfunding per realizzare il graphic novel Brigada #1 e a seguito dello straordinario successo (raccoglie ben 50.000 euro), l'anno successivo, parte la campagna volta alla realizzazione dell'attesissimo Brigada #2. Nello stesso anno esce, sempre per la collana Tipitondi il graphic novel Aurore.  A Romics dal 2 al 5 ottobre in mostra le tavole dei fumetti e gli schizzi dei character creati dal Romics D’Oro Enrique Fernandez per ripercorrere attraverso immagini scelte dall’autore la sua straordinaria carriera artistica. 

Paolo Barbieri - Romics d'Oro XV ed.

 

Paolo Barbieri lavora da più di quindici anni per il mercato editoriale italiano ed estero. Ha collaborato con le più importanti case editrici internazionali, realizzando copertine per centinaia di scrittori del calibro di Michael Crichton, Clive Clusser, Desmond Bagley, Ursula L. Guin, George R. R. Martin, Cornelia Funke, Umberto Eco, Sergej Luk’Janenko,Lian Hearn, Bernard Cornwell, Wilbur Smith, Marion Zimmer Bradley, Herbie Brennan, Francesco Dimitri, Cassandra Clare, Giovanni Del Ponte, e tanti altri. Ha al suo attivo tutte le copertine di Licia Troisi, la scrittrice fantasy italiana più conosciuta, le copertine delle due serie del fumetto del Mondo Emerso edito da Panini Comics, e i manifesti per le convention del fumetto di Mantova Comics 2009 e Cavacon 2013. Suoi sono i due libri illustrati sul “Mondo Emerso” (Creature del mondo Emerso -2008, e Guerre del Mondo Emerso - Guerrieri e Creature -2010). Nel 2001 ha lavorato nel mondo dell’animazione, partecipando alla realizzazione di “Aida degli alberi” (2001 - Medusa film/Lanterna Magica), nelle vesti di direttore del reparto colori alle scenografie (key-backgrounds). Per questa esperienza ha approfondito la conoscenza e la tecnica della stesura del colore per le scenografie, tipica dei maestri americani (Disney) e giapponesi, rimanendo tre mesi a Seul a dirigere il reparto colori dello studio coreano incaricato di realizzare i fondali del lungometraggio animato. Barbieri è uno dei pochissimi italiani a riuscire a padroneggiare questa tecnica molto particolare, in cui si possono ottenere gli effetti della pittura ad olio con l'utilizzo degli acrilici.“Aida degli Alberi” è stata una delle coproduzioni animate più costose mai realizzate in Europa, salita nuovamente alla ribalta negli ultimi anni per sospetti riferimenti da parte del film “Avatar”, di James Cameron (2009). Nel 2011 è stato il primo italiano ad essere Artist Guest of Honor di Lucca Comics & Games, con una mostra antologica che l'ha visto protagonista nelle sale del Palazzo Ducale della città. Sempre nel 2011 vede la luce “Favole degli Dei” (Mondadori), il primo libro illustrato in cui Barbieri diventa autore completo, realizzando sia dei testi che delle illustrazioni, e reinterpretando secondo uno stile onirico, sensuale e moderno gli affascinanti personaggi della mitologia greca. Il 2012 è l’anno di un'altra importantissima opera, “L’Inferno di Dante illustrato da Paolo Barbieri” (Mondadori), una sfida in cui l’autore-illustratore si è confrontato con il sommo poeta e con la sua opera per eccellenza, una delle icone letterarie più conosciute di tutti i tempi. Oltre 60 illustrazioni che svelano attraverso visioni poeticamente fantasy, il viaggio di Virgilio e Dante attraverso i gironi infernali popolati da personaggi oramai entrati nella leggenda. Nel 2013 è uscito un nuovo libro illustrato di Barbieri, ovvero “L’Apocalisse illustrata da Paolo Barbieri” (Mondadori), il libro più immaginifico della Bibbia, l'ultimo delle Sacre Scritture, celebre per i suoi simboli inquietanti, le sue profezie sulla fine dei tempi e i suoi potenti personaggi. In questo volume spicca un'ulteriore evoluzione dello stile di Barbieri, spingendo il fantasy classico a vera e propria simbiosi con l'arte simbolica e metafisica. Barbieri è il primo artista-illustratore che ha realizzato con Mondadori, una delle casa editrice italiana più importanti, dei libri illustrati a tema, portando finalmente anche in Italia quella che nel resto del mondo è una tradizione consolidata, in cui grandi artisti realizzano libri di grande formato per poter meglio ammirare particolari e colori delle opere. Nel 2014 gli viene conferito il premio Romics d'Oro, il prestigioso riconoscimento di Romics, Festival Internazionale del Fumetto, Animazione Cinema e Games, dedicato ai grandi artisti internazionali del fumetto, dell'illustrazione e del cinema che hanno segnato l'immaginario collettivo. A Paolo Barbieri Special Guest della XVII edizione, Romics ha dedicato una mostra "La forza e la voluttà: attraverso i Mondi immaginifici di Paolo Barbieri", percorso che attraversa tutta la carriera dello staordinario illustratore. Negli ultimi anni, le opere di Barbieri sono state selezionate dalla prestigiosa rivista internazionale Spectrum, il più importante annuale al mondo che raccoglie il meglio dell'arte fantasy. Paolo Barbieri ha realizzato disegni con le più importanti tecniche pittoriche (colori ad olio, aerografo, acrilici, acquerelli, matite, gessetti), ed è anche maestro madonnaro. Nel 2003 ha vinto come maestro madonnaro il concorso di Grazie di Curtatone (MN), uno degli eventi a tema più importanti in Italia e nel mondo.

 

Pagine