Premiazione Del Concorso Nazionale I Linguaggi dell’Immaginario Per La Scuola

 

“Partecipazione straordinaria e piena condivisione dello spirito del progetto, ora al lavoro per la III Edizione del Concorso”
 

Si è tenuta oggi alla presenza di circa mille studenti provenienti da tutta Italia, la premiazione della II Edizione del Concorso nazionale “I linguaggi dell’immaginario” promosso da Romics in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca- Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione e il progetto Io Studio.   Nel corso della cerimonia sono stati premiati i vincitori del Concorso e sono state consegnate le menzioni alle opere più meritevoli. La II edizione del Concorso ha riscosso un grande successo infatti sono stati raccolti 647 elaborati provenienti da 185 istituti di ogni ordine e grado, rappresentativi di tutte le regioni italiane, che hanno partecipato realizzando opere di qualità con una grande varietà di tematiche, un lavoro che ha coinvolto studenti e insegnanti in maniera appassionata e approfondita. Un invito a riflettere, attraverso il fumetto, l’illustrazione, l’animazione, la visual art e i games, sulle tematiche che affliggono i nostri tempi: la solitudine e la marginalità sociale, l’illegalità, il bullismo e il cyberbullismo, le discriminazioni, il razzismo e le leggi razziali, le pari opportunità e lo sviluppo sostenibile. Sabrina Perucca, direttore artistico di Romics ha dichiarato: “Siamo particolarmente felici orgogliosi di quanto realizzato quest’anno perché è emerso con forza e condivisione lo spirito del concorso che mira a sensibilizzare gli studenti attraverso la creatività dei linguaggi dell’immaginario”. Alle classi realizzatrici delle due migliori opere premiate sara’ concessa l’opportunità di ospitare presso la propria scuola un workshop formativo di due giornate con un artista che lavorerà a stretto contatto con gli studenti. Saranno in mostra a Romics per tutti e quattro i giorni della manifestazione una selezione delle
opere in concorso giunte da tutta Italia.

"L'esame dei numerosissimi elaborati pervenuti conferma l’eccellenza che i nostri studenti sono in grado di esprimere. Lavori di qualità che testimoniano la crescita della sensibilità verso argomenti attuali e di diretto impatto sulla vita degli studenti. Abbiamo osservato con emozione la profondità, la delicatezza e la varietà delle interpretazioni con le quali gli studenti hanno saputo dare forma alle loro idee e alle loro riflessioni sui temi proposti" sottolinea Giuseppe Pierro, dirigente Ufficio II - Direzione Generale per lo Studente, l'Integrazione e la Partecipazione del MIUR.