Intervista a Margerita Loy autrice di "Pop al Pomodoro"

Intervista alla scrittrice Margherita Loy, ospite della XXI edizone di Romics e autrice di “Pop al pomodoro” (Gallucci Editore).

 

Com’è nata l’idea di raccontare l’arte ai bambini?

Quando portavo i miei figli nei musei italiani non c’era letteratura al riguardo in Italia. Ho pensato quindi che poteva essere interessante avere una guida narrativa e non tecnica per i più piccoli.

 

Perché è importante conoscere l’arte fin dall’infanzia?

Perché affezionarsi alla bellezza rende l’adulto più attento al rispetto per l’arte e per l’ambiente che lo circonda.

 

Quali sono gli artisti che ama di più?

I tre artisti protagonisti dei libri che ho pubblicato con Gallucci sono mie grandi passioni ( “Pop al pomodoro”, “La cameretta di Van Gogh” e “Magritte” n.d.r). In futuro uscirà un libro su Vermeer. Poi amo Caravaggio che però è più difficile da spiegare ai ragazzi e lo spagnolo Lopez Garcìa

 

Come sceglie gli artisti e i temi da raccontare?

È importante scegliere il quadro con cui partire per raccontare il pittore, ad esempio per Van Gogh ho scelto la cameretta perché sentivo che era un tema vicino ai ragazzi. Ci sono due componenti che servono per sviluppare il lavoro su un autore: una empatica e una estetica che dà la garanzia di qualità, per cui si ha un quadro “bello”.

 

Quali sono i suoi scrittori preferiti?

La mia grande passione è lo scrittore brasiliano Joao Guimaraes Rosa che, per quanto riguarda il repertorio immaginativo, è una penna di grande qualità. Non si può prescindere dal servizio che la parola rende all’immagine.

 

Ci sono artisti impossibili da raccontare ai ragazzi?

Direi l’arte contemporanea:  è stupefacente e quindi affascina i ragazzi in modo immediato, ma ha sempre bisogno di una spiegazione e ritengo sia più complessa da spiegare ai bambini.

 

Quali sono i suoi progetti futuri?

Il mio sogno sarebbe riscrivere i classici per bambini -“Gargantua e Pantagruele”, “L’Orlando Furioso”, “l’Odissea”- e rendere così questi grandi libri fruibili anche per i più piccoli.