Quino - Golden Romics of the XI edition

Quino - Golden Romics of the XI edition

 

Nasce, nel 1932, a Mendoza (Argentina) un bambino di nome Joaquìn Salvador Lavado Tejòn “Quino”, da genitori andalusi. Siccome i genitori sono spagnoli, “tutti gli spagnoli sono brava gente”. All’età di quattro anni (1936) il piccolo Quino scopre che ssono saltati fuori degli spagnoli cattivissimi, che stanno uccidendo gli spagnoli buoni. Tedeschi, italiani, preti e suore sono gente cattivissima perché stanno dalla parte degli spagnoli cattivi. Ci sono, invece, dei catalani che hanno smesso di essere cattivi e aiutano gli spagnoli buoni. 1939: terribile! Hanno vinto i cattivi. Ma il piccolo Quino ormai va a scuola e lì impara che quelli veramente buoni sono gli argentini. Per cercare di capire un po’ tutto questo, il piccolo Quino si mette a disegnare, in silenzio. Parlando si rischia di dire cose sbagliate, sul bene e sul male. Verso la fine del 1939 il panorama si complica: gli inglesi, che erano cattivissimi perché avevano rubato le Malvinas e le Gibilterra, adesso sono buoni, perché difendono il mondo dall’aggressione tedesco-italo-nipponica (1941). Anche i nordamericani sono buoni. Nel 1945 Quino comincia a studiare disegno alla Scuola di Belle Arti di Mendoza. Nel 1954, dopo aver imparato che italiani, tedeschi e giapponesi nono sono poi tanto cattivi e che inglesi, nordamericani e francesi non sono tanto buoni, si trasferisce a Buenos Aires dove inizia a pubblicare i suoi disegni umoristici. Nel 1960 sposa Alicia, di origine italiana, e scopre la bontà di quella brava gente. La sua carriera di disegnatore umoristico si afferma con “Mundo Quino” (1963) il suo primo libro di vignette, e nel 1964, con l’invenzione di Mafalda, una bambina che cerca di sciogliere il dilemma di chi è buono e chi è cattivo in questo mondo. 'Troppo bella questa autobiografia di Quino per non metterla nella pagina a lui dedicata. Spiega alla perfezione come stanno le cose: il sentire di Quino tutto argentino ma anche la sua capacità di essere cittadino europeo e del mondo, e poi la sua capacità di fare il moralista in maniera leggera, scatenando una risata che non ci libera dal pensiero. Perché, tra una risata e l’altra, Quino da più di mezzo secolo ci dice davvero chi sono i buoni e chi sono i cattivi. Anzi, più i secondi che i primi, a dire la verità: dunque i cattivi sono non solo i politici che abbracciano gli elettori per strada (per poi bruciare i cappotti sporchi dell’odore della gente), non sono solo i corrotti, gli inquinatori, quelli che potenziano le disparità e le ingiustizie sociali o che pensano solo al profitto. No. Siamo anche noi i cattivi, quando diciamo una cosa giusta e ne facciamo una tutta sbagliata, quando mangiamo troppo quando consumiamo inutilmente, quando ci lasciamo abbindolare dalla televisione e dalle pubblicità ( anche da quelle dei politici), ma soprattutto quando ci chiudiamo nella nostra stanza facendo finta di non vedere le ingiustizie del mondo. Tutto questo ci dicono da sempre i suoi fumetti (così come le strisce di Mafalda): gli unici al mondo a raccontarci tutte, ma proprio tutte le nostre colpe in maniera irresistibile.'